chittesencula

Dunque, qualche giorno fa sono stato un po’ criticato per questo disegnetto. Per carità, ormai possiamo dire di soffrire tutti del male da sensibilità 2.0, considerato che ci lasciamo coinvolgere da tutto quello che sta su un social network, dai gattini alle decapitazioni. Ma se dovessi fare una sintesi di quello che mi ha portato a fare il disegnetto incriminato si svolgerebbe in questo modo:

  • La difesa della satira a spada tratta, contro ogni censura, sia questa religiosa o governativa, fatta però da gente che fino a qualche ora prima della strage appoggiava chi della censura ha fatto la propria bandiera, chi ha definito la satira ‘criminosa’, chi ha affermato che c’è della buona satira e della cattiva satira, dimostrando così di essere ignorante, tanto, troppo.
  • Il Corriere della Sera sfruttando l’ondata di sensibilità 2.0 ha ben pensato di fare soldi pubblicando vignette di autori italiani senza chiedere l’autorizzazione, in un volumetto a favore di Charlie e contro la censura dal costo di 4,90 EUR. Ovviamente non c’era nemmeno una vignetta di Charlie, perché considerate troppo estreme.
  • Isis, è un prodotto occidentale e parla perfettamente la nostra lingua (intesa come cultura)…

Capite anche voi che non potevo non pubblicare il mio disegnetto, vero?

Post recenti
Contattami

Se proprio ti scappa di scrivermi qualcosa usa la form, sarai contattato al più presto

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt