Perché un sito personale? Beh, perché no?

In realtà non lo so con certezza, è che a volte mi ricordo di saper scrivere, e non solo articoli legati alla linguistica computazionale o all’intelligenza artificiale. In passato ho scritto anche qualche racconto, niente che adesso rileggerei volentieri, non che rinneghi qualcosa, semplicemente sono cambiato parecchio da quando li ho scritti. Cioè sembrava roba tardoadolescenziale, non alla Moccia, non ho mai avuto quei problemi, ma ero pieno di speranze e fiducia verso l’umanità.

Adesso sto disegnando un fumetto che si chiama Apocalisse Spray…
Direi che quanto fatto prima debba giustamente finire nel dimenticatoio, sebbene il mio psichiatra sosteneva fosse roba buona. Ma lui era pagato per farlo.
Voi ad ironia come state messi?

Comunque mi sto anche rompendo le scatole dei social network, che non è una cosa proprio ottima da dire quando si ha una startup innovativa che si occupa di sviluppare classificatori di testo, immagini e video per i suddetti in modo da trovare schemi long range per determinare trend o sfruttare quelli esistenti. Se non ci avete capito niente ve lo spiego dopo, contattatemi, o se vi scappa dateci un occhio www.skillroom.it!

Ho fatto anche il consulente marketing e analista per diversi anni (in quanto capra in matematica) per un’azienda che opera in ambito internazionale (USA, EU). Poi mi sono rotto, perché cercare di svecchiare la mentalità aziendale cristallizata sul capitalismo familiare all’italiana, in cui si vede l’azienda come un proprio figlio e la si vuole comendare come tale, è una cosa praticamente impossibile.
Voi a capitalismo come state messi?

Contattami

Se proprio ti scappa di scrivermi qualcosa usa la form, sarai contattato al più presto

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt